Aldrui D’Orsa, l’abominevole ritratto

L'abominevole ritratto di Aldrui D'Orsa, Milano
L'abominevole ritratto di Aldrui D'Orsa, Milano
L’abominevole ritratto di Aldrui D’Orsa, Milano

Chi lo riconosce? Aldrui D’Orsa, fu accusato di essere colui che portò la peste a Milano nel 1630, ma probabilmente mai esistito, a differenza di Giangiacomo Mora a cui fu “dedicata” la “colonna infame” posta in Porta Ticinese e demolita durante la dominazione della corona di Maria Teresa d’Austria nel 1778(1). Quando passerete tra via Gian Giacomo Mora e corso di Porta Ticinese, potreste vedere ancora il fantasma del barbiere Mora, ucciso sotto tortura con l’accusa di essere stato untore di pestilenze nella sua bottega.
Mora, insieme al famigerato Guglielmo Piazza (accusato di essere suo complice nella produzione di un unguento letale e di stregoneria) furono processati, torturati e giustiziati in Milano nel 1630.
Nel nostro piccolo, anche a Milano abbiamo avuto uno Sweeney Tod (di cui tra l’altro non è mai stato dimostrato con certezza se fosse una invenzione letteraria dei Penny Dreadful).
Mora e Piazza sono inoltre citati da Manzoni nei Promessi Sposi.

(1) Tra l’altro, a Milano, qualche decennio dopo sarebbe successo qualcosa di piuttosto curioso in concomitanza con la dominazione Asburgica e ne parlo nel video che trovate qui – Il cimitero di Corpi Santi a Milano e il fantasma che smarrì la sua tomba.

Condividi se questo contenuto ti è piaciuto