Le bare mobili della famiglia Chase, isole Barbados

Le bare mobili della famiglia Chase

Nelle isole Barbados, per la precisione nel cimitero di Christ Church Parish si trova una cripta dalle caratteristiche peculiari. La tomba in questione fu voluta da James Elliot nel 1724 e poco dopo la sua morte, nella stessa cripta, venne tumulata una certa Thomasina Goddard. Non si conosce il legame che potesse intercorrere tra i due sopracitati, e comunque, non è questo il mistero. Le tinte cupe e macabre di questa vicenda, iniziano a definirsi soltanto a partire dal 1808 quando Thomas Chase prende possesso della tomba destinandola a mausoleo di famiglia. Il monumento, piuttosto spoglio all’esterno, si compone di un’entrata marmorea che conduce ad un sotterraneo raggiungibile per mezzo di alcuni gradini.

Il mistero inizia a prendere forma con il decesso delle due figlie del signor Chase che mancarono a distanza di un breve periodo l’una dall’altra e seppellite all’interno della cripta di famiglia. L’usanza locale, imponeva di riporre i cadaveri in bare di legno che successivamente dovevano essere sigillate all’interno di una cassa di piombo e così fu, sia per le due figlie di Chase che per i successivi corpi che lì vi avrebbero trovato la pace eterna.

La prima fu Mary Ann Chase, seguita poco dopo dalla sorella, Dorcas Chase. Sin qui, nulla era accaduto che potesse far presagire cosa sarebbe accaduto poco dopo, ovvero quando fu il padre delle ragazze, Thomas Chase a venir seppellito nella stessa tomba di famiglia accanto alle figlie. Dopo le esequie, il corpo venne trasportato al cimitero per procedere con la normale tumulazione, ma nessuno avrebbe mai immaginato cosa si sarebbe visto aprendo la tomba: quando fu aperta per la terza sepoltura, le bare delle defunte Mary Ann e Dorcas Chase furono trovate capovolte e completamente fuori posto all’interno della cripta. Immediatamente gli isolani si dimostrarono spaventati dell’accaduto, tant’è che gli schiavi delle piantagioni del signor Chase iniziarono a credere che la malvagità del loro padrone aveva fatto infuriare gli spiriti che vagavano su quella terra di corpi santi e che quello fosse un avvertimento, quasi egli non fosse il benvenuto.

Leggi anche:   Il Teatro delle Ombre

A seguito di queste voci, germinò presto la teoria secondo cui Dorcas si era suicidata a causa delle ripetute crudeltà del padre e che quest’ultimo si fosse suicidato per via di uno stato depressivo che lo aveva colpito subito dopo la morte della figlia.

Gli schiavi e i locali non osarono più parlare di questa storia per via delle strane superstizioni che aleggiavano in quei luoghi, o almeno sino al 25 settembre 1816, quando il piccolo Samuel Brewster Ames Jr morì. Il giorno della sua tumulazione, la cripta dei Chase venne nuovamente aperta ed ancora una volta, la posizione delle bare era stata completamente sconvolta. Furono necessari otto uomini per riposizionare la bara di Thomas Chase nella sua nicchia, poiché essa era stata letteralmente scaraventata via e rovesciata. Le altre casse si trovavano sparpagliate come se una mano gigante le avesse scaraventate via in un impeto d’ira. Vennero riposizionate le bare, simmetricamente come era sempre stato fatto, come se quel rito di assetto servisse da rituale per acquietare le anime dei trapassati oltre che necessario per posizionare di volta in volta le nuove bare.

Dopo appena due mesi, a novembre, la cripta fu aperta ancora una volta per la sistemazione del cadavere del padre di Samuel Brewster morto durante la rivolta degli schiavi del 1816, e per l’ennesima volta le bare dovettero essere riordinate poiché tutte erano state scagliate via da una forza sconosciuta. Una bara, addirittura, si trovava in posizione verticale, poggiata a terra dal lato della testa sfidando qualsiasi logica.

Il 17 giugno 1819 la cripta venne aperta di nuovo, questa volta per la sepoltura di Thomasina Clark. Le bare furono trovate ancora una volta rivoltate e sparse per la cripta. A questo punto si diffuse il panico, tanto che dovettero intervenire le autorità nella persona di Lord Combermere, ex soldato britannico, tutt’altro che suggestionabile e di carattere piuttosto pragmatico. Ordinò che le bare venissero risistemate e che fosse sparsa della sabbia sia all’interno che all’esterno della cripta e sui gradini in modo da poter individuare qualsiasi manomissione esterna di un profanatore dedito a qualche strano culto pagano…

Leggi anche:   Combustione umana spontanea

Puoi ascoltare tutta la storia nel nostro Podcast qui sotto

Condividi se questo contenuto ti è piaciuto

Lascia un commento