pompa del colera, soho, londra

Si chiama Broadwick Street, ma un tempo era Broad street, una via che si trova a Soho, Londra, un quartiere che nei tempi moderni è divenuto il cuore della vita notturna londinese. Oggi, perché un tempo questo era un luogo malsano. A ricordarlo, è la presenza di una pompa dell’acqua in ferro nero, chiamata in modo poco rassicurante “Pompa del Colera”. Ma attenzione, non è l’originale, bensì un monumento in onore di John Snow, il medico che scoprì come il colera si stesse diffondendo attraverso le acque inquinate. Era il 1854, e Soho fu letteralmente decimata dalla malattia che nel quartiere colpì al ritmo di 45 vittime al giorno. Snow si avvalse anche dell’aiuto del reverendo Henry Whitehead, reverendo della chiesa di S. Luke (sempre a Soho) con il quale individuò la pompa incriminata, ovvero quella che avrebbe dovuto dispensare acqua potabile ma che in realtà era stata contaminata da un pozzo nero. Cosa dobbiamo ricordare di questa vicenda? Prima di tutto che l’approccio scientifico aveva reso possibile rintracciare la fonte del contagio e che soprattutto la teoria dei miasmi, secondo cui certi squilibri e malattie del corpo umano sono provocati dalle esalazioni (insomma dal fetore), era ormai una teoria sul viale del tramonto. Insomma, grazie John Snow, senza di te oggi cureremmo il morbillo con l’Arbre Magique.

Segui i nostri podcast nel Salotto del Terrore su spreaker.com

Seguimi su Instagram @massimo_mayde

Related Post